Fai la mossa giusto
cominciando dalla scelta delle scarpe

Che tu sia runner o triatleta, a un certo punto della stagione subentra il momento del cambio delle scarpe.  Quali sono gli elementi da considerare nella scelta?

Scopri quali sono i principali driver di scelta.

Il supporto

È la parte che letteralmente supporta il tuo piede e lo fonde con il resto della scarpa; generalmente si intende la parte centrale ovvero l’arco plantare.  La scarpa deve aderire perfettamente lavorando in sinergia con la forma della pianta.

La forma della pianta

Quante volte vi è capitato di indovinare la lunghezza della scarpa ma non la larghezza? È possibile che strutturalmente ti comprima troppo le dita o che sia troppo stretta sul collo del piede. Ricorda che la scarpa deve avvolgerti comodamente il piede, non deve essere “stretta” né troppo spaziosa.

L’intersuola

Ha il ruolo di ammortizzare gli arti inferiori dal colpo dubito ad ogni falcata. Ve ne sono di diversi tipi ma la comodità varia in base alla personale percezione e al tipo di suolo sul quale correrai.

Il drop

Andando ancora di più nello specifico, troviamo il drop ovvero differenza di altezza tra la punta e il tacco e serve a modificare la posizione di appoggio del piede: man mano che la tua meccanica diventa dinamica e naturale puoi assottigliare dai 10/12 mm iniziali fino a un range che comprende 0/4 mm.

Il battistrada

È la vera parte finale della scarpa in quanto è quella a contatto con il terreno e che ha grip e ti aiuta a non scivolare. Ricorda che è buona norma cambiare le scarpe dopo aver percorso 600-800 km! Useresti la tua macchina con le gomme lisce? Ecco, a buon intenditor….

Proseguendo nel nostro cammino – ok questa era una battuta da principianti – vorrei darvi qualche altro consiglio:

Decidi PRIMA dell’acquisto, quale sarà la lunghezza del tuo allenamento: a seconda delle distanze che amerai percorrere ti servirà un tipo di supporto differente. Ricorda che se corri diverse lunghezze, è opportuno avere calzature idonee. Siamo esseri straordinari perché siamo diversi, dalla punta dei capelli alla punta dei piedi, in particolare nelle scarpe ascolta i consigli di tutti ma ricorda che i piedi di chi ti consiglia sono diversi dai tuoi e non necessariamente quello che va bene a lui va bene anche a te. Tratta – e questo vale in generale nella vita – con cura e dedica la giusta manutenzione alle tue scarpe: non metterle sul termosifone ad asciugare compromettendo cosi la colla e la struttura dei tessuti e non aspettare di sfondare le suole o le tomaie per cambiarle.

 

Fidati di me, ne ho cambiate tante di scarpe!